e

Citerna – Chiesa di San Francesco

Citerna – Chiesa di San Francesco

Costruita probabilmente su di un edificio precedente nel corso del 1500, ha una pianta a croce latina irregolare. Dotata di nove altari, sette dei quali quasi identici e fregiati di rilievi e mostre lignee cariche d’oro, conserva pregevoli opere d’arte. Fra le più importanti: una tela di Simone Ciburri del 1610 che ritrae Sant’Antonio da Padova alle cui spalle è raffigurata Citerna come appariva nel 1500; un affresco della scuola del Signorelli dipinto attorno il 1550; una tavola della Vergine di scuola fiorentina e l’altare della famiglia Vitelli con un Cristo in Gloria di Raffellino del Colle. Dello stesso autore, la pala del maestoso altare del S.S. Crocifisso e un piccolo quadro su tavola raffigurante una Madonna con Bambino; inoltre troviamo un crocifisso ligneo di fattura bizantina della fine del 1200.

 

Castello Bourbon-Santa Maria Tiberina

MONTE SANTA MARIA TIBERINA – CASTELLO BOURBON

Monte Santa Maria Tiberina – Castello Bourbon 

I marchesi Bourbon del Monte Santa Maria furono una delle casate toscane più importanti del Medioevo, che successivamente si diramò anche in Umbria e nelle Marche, e fra le più importanti famiglie aristocratiche del principato mediceo. Il primo marchese della famiglia fu Ranieri, signore di Toscana dal 1014 al 1027, che assunse il patronimico di “Bourbon del Monte Santa Maria” dalla sua signoria sul “Castrum Montis S. Mariae” nella Valle del Tevere, oggi comune di Monte Santa Maria Tiberina
Il Palazzo Bourbon del Monte, denominato spesso il Castello o Palazzo Marchionale, è stato edificato sulle strutture del preesistente castello tra il 1564 e il 1614 dal M.se Bartolomeo e da suo figlio il M.se Gianbattista. Nel 1894 il M.se Gianbattista Francesco vende alla famiglia dei Marchesi Capranica del Grillo il palazzo e tutte le proprietà a Monte S. Maria. Da questo momento in poi l’edificio cadrà in uno stato di abbandono e verrà pesantemente danneggiato durante i bombardamenti del 1944.
Si dovrà aspettare il 1990, anno in cui il Comune acquista il palazzo, per poter iniziare l’opera di salvataggio di questo edificio, simbolo e testimonianza della storia millenaria di Monte S.Maria Tiberina.

Dipinti di Luca Signrelli

Morra – Oratorio di San Crescentino

Poco distante dal centro abitato di Morra, sorge l’Oratorio di San Crescentino costruito nel 1420 per soddisfare le esigenze di culto dell’omonima Confraternita e ampliato nella forma attuale nel 1507, come ricordano le iscrizioni murate sulla facciata. L’Oratorio si presenta come un vero scrigno d’arte che custodisce al suo interno un interessante ciclo di affreschi attribuiti a Luca Signorelli e alla sua scuola. La maggior parte della critica colloca l’impresa pittorica tra il 1507 e il 1510.
L’edificio presenta una facciata a capanna con un portale sovrastato da una lunetta decorata, un’ampia finestra e due finestrelle laterali, aperte nel Seicento. L’interno, coperto a capriate, termina con una bella nicchia finemente scolpita e affrescata dal Signorelli; in alto è rappresentato il Padre Eterno, con in mano il Libro della Vita, tra due bellissimi angeli, Santa Maria Maddalena e un altro santo.
Entrambe le pareti laterali sono decorante con affreschi attribuite al maestro e ai suoi seguaci.